Utilizzare l’emulatore di Android
3 settembre 2013  //  By:   //  Android-Dev  //  No Comment   //   580 Views

L’Android SDK include un dispositivo mobile emulator, cioè una sorta di smartphone virtuale che funziona sul vostro computer.

 L’emulatore consente di sviluppare e testare le applicazioni Android senza usare un dispositivo fisico.

Se dovete programmare delle app per dispositivi mobili è necessario utilizzare un emulatore. Con questo strumento è possibile simulare in tutto e per tutto un dispositivo reale permettendo di testare realmente l’app.
Tra i diversi tool che abbiamo visto per l’SDK c’è appunto l’emulator che altro non è che la riproduzione vera tutti i package Android, delle librerie native, dell’intero stack Android compreso processore ARM e kernel Linux.
Inoltre nell’emulatore sono presenti diverse applicazioni come Gmail, Calendar e Play Store, è possibile davvero gestire tutto tramite questo emulatore.

Per avviarlo digitare il comando emulator in quanto , ma….. apparirà un messaggio di errore perchè non è stato definito nessun Android Virtual Device!

Android Virtual Device

Un AVD è semplicemente un modo per gestire le caratteristiche dell’emulatore che dunque simulerà un particolare dispositivo. Possiamo creare un numero di AVD illimitato così da testare le app su qualunque tipo di dispositivo.

Per vedere se effettivamente non abbiamo alcun AVD definito digitiamo il comando android list avds che nel nostro caso non visualizzerà nessuna informazione. Creiamo dunque il primo AVD che chiameremo jelly, nel prompt digitiamo:

android create avd -n jelly -t 1

apparirà una serie di messaggi, scegliamo per il momento no alla domanda sulla configurazione hardware e accettiamo la configurazione di default.
Avremo ora ottenuto un messaggio di conferma di creazione AVD.

Gli AVD possono essere anche creati tramite la finestra che ormai dovrebbe essere en nota e compare all’esecuzione del comando android.
Se lanciamo il comando ora tra i virtual device troviamo il nostro AVD jelly, se vogliamo crearne di nuovi scegliere il comando new e scegliere i parametri nella finestra che comparirà, possiamo definire in questa finestra davvero ogni singolo componente che vogliamo simulare in base a quale tipo dispositivo sarà il destinatario della nostra app, ad esempio se è presente la fotocamera, la scheda sd, la tastiera touch o no, la dimensione dello schermo, l’accellerometro e tanto altro.

A questo punto per avviare l’emulatore facciamo click su Start oppure dal DOS scriviamo emulator -avd jelly.

Non preoccupatevi se all’inizio l’avvio sarà davvero lento, è normale! La lentezza è dovuta alla configurazione.

Possiamo ora caricare qui le nostre applicazioni!

About the Author :

BI CONSULTING. Studente di Ingegneria Informatica, Sistemista Linux e appassionato di tutto ciò che sia tecnologico ma soprattutto Open Source. Distro: Debian e Arch LInux. Smartphone: Nexus / Lg G2 Buona Lettura  Visualizza il profilo su Linkedln

Related News

Leave a reply